2-About the projectIT

RIGUARDO IL PROGETTO

Date le varie legislazioni nazionali e le diverse caratteristiche economiche e culturali dei paesi europei partecipanti, l’implementazione della Corporate Social Responsibility ha raggiunto diversi livelli di sviluppo, influenzando di conseguenza l’offerta formativa e il supporto professionale fornito dai consulenti aziendali. 

La Corporate social responsibility (CSR) fa riferimento alla responsabilità delle imprese per il loro impatto sulla società. La Commissione Europea ritiene che la CSR sia importante per la sostenibilità, la competitività e l’innovazione delle imprese europee e per l’economia dell’Unione Europea in genere. Essa apporta infatti benefici in termini di gestione dei rischi, riduzione dei costi, accesso ai capitali, rapporto col cliente e gestione delle risorse umane. L’impatto positivo atteso non si limita al risultato economico ma coinvolge dipendenti, partner, clienti, città e regione, grazie anche a una consistente riduzione degli impatti ambientali negativi e a un duraturo sviluppo delle risorse umane, della comunità e della società.

Leggi di più qui: https://ec.europa.eu/growth/industry/corporate-social-responsibility_en

Il principale scopo del progetto è di ampliare la conoscenza della CSR e dei criteri di sostenibilità da parte delle imprese e dei manager dell’Europa centrale e dell’Est riguardo la CSR, aumentando così la loro consapevolezza circa i propri bisogni e le proprie opportunità di miglioramento, concentrandosi in particolare sulle skill manageriali, come la gestione efficiente delle risorse, le scelte etiche, le politiche di EU2020, le pratiche di lavoro responsabile, l’approccio sostenibile al business etc.

L’obiettivo centrale della partnership è di offrire un modello comune di CV e un corso di formazione destinato alle imprese e ai consulenti dell’Europa centrale e dell’Est che rappresenti un modello unico e adeguato ai requisiti locali e agli stili manageriali specifici.

Per definire i prototipi di CV (uno per i consulenti aziendali e l’altro per i formatori) i partner si impegnano a:

-Condividere le proprie conoscenze e raccogliere le buone pratiche.

– Organizzare 2 ricerche, una durante i workshop come metodo innovativo per facilitare il dialogo e la condivisione delle informazioni, l’altra svolta dai partner (desktop survey) circa la disponibilità di corsi di formazione nei propri paesi di provenienza.

– Elaborare e testare metodi economici per il coinvolgimento di manager, imprenditori, giornalisti, altri membri del target group e stakeholder circa la CSR (e prendere parte all’offerta di formazione).

– Fare analisi incrociata dei dati raccolti per perfezionare il CV e la struttura dei corsi di formazione.

Per raggiungere questi obiettivi, il consorzio si impegna a:

*semplificare il modo in cui è presentata la CSR, per renderla più accessibile a un pubblico più vasto.

*Migliorare la capacità dello staff dei partner e dei principali stakeholder di interessare i manager, gli imprenditori e i giornalisti alla CSR.   

*Migliorare la percezione dei partner circa la CSR nei paesi dell’Europa Centrale e dell’Est, raccogliendo dati sulle specificità dei paesi partner e circa i bisogni dei partecipanti.

*Migliorare le possibilità di sfruttamento, utilità e potenziale sostenibilità e diffusione dei risultati ottenuti valutandoli con esperti e gruppo target.

I workshops offerti ai gruppi target consentiranno ai partner di meglio comprendere le loro esigenze, condividere informazioni di base circa la CSR, chiedere la loro opinione, approfondire le loro competenze e i loro bisogni, discutere le migliori soluzioni per coinvolgerli e interessarli all’argomento.

Grazie alle attività pianificate, i partner potranno ampliare il numero di interessati alla CSR all’interno dei settori industriali e aziendali, tra cui manager, rappresentati d’azienda, CSR manager, consulenti aziendali, giornalisti, funzionari governativi, imprenditori, così da migliorare la loro capacità di gestire il rischio, migliorare la propria efficienza ed efficacia nella gestione delle risorse materiali, immateriali e umane.

Il consorzio si compone di 7 partner da 6 paesi, provenienti da contesti differenti (università, enti di formazione, associazioni etc.), tutti coinvolti nel management, nella formazione, nella promozione della sostenibilità e nello sviluppo di competenze.